domenica 1 dicembre 2013

Il grande teatro della politica! L'ora del risveglio è vicina!

L'arte del teatro

Il teatro è il luogo d'eccellenza dove gli attori si esprimono ricomprendo il ruolo di un personaggio assegnatogli, facendo un paragone con la pessima politica non si riscontrano differenze; gli attori ovvero (molti, spero non tutti) i politici sono impegnati a recitare una parte, parlando egregiamente con termini incomprensibili per la gente comune, litigando come le bambine fanno con le bambole, danno vita ad un vero ed articolato triste spettacolo, sponsorizzato da radio,TV ed ogni mezzo di comunicazione esistente che permette così di avere constatemene un numeroso pubblico. Quest' ultimo non consapevole del fatto che in realtà tutto è una recitazione: teatro,attori (profumatamente retribuiti),colpi di scena, nuovi personaggi  ecc. si accanisce l'uno con l'altro, credendo che il suo attore sia il migliore e faccia ciò che è giusto fare, ed in questo passaggio si perde il senso comune, ovvero la ricerca del benessere generale.

 La bravura degli attori è tale da illuderci e da trasportarci in una dimensione semplicemente surreale, in quanto molti dei problemi oltre ad essere e rimanere irrisolti aumentano considerevolmente peggiorando gli animi degli spettatori sempre più stressati ed in crisi.


Osservando in TV i vari partiti e schieramenti ho constatato un senso di sfida generale gli uni tra gli altri,quasi fosse una gara, come se l'obbiettivo è solo quello di apparire i migliori (attori) ed avere così il maggior consenso del pubblico e degli spettatori, senza però migliorare la situazione.

 I problemi si constatano meglio quando si hanno, e si vivono in prima persona, ora mi chiedo come faccia un attore che prende fior di quattrini ad immergersi nel ruolo del cittadino comune, che a differenza degli attori si alza la mattina presto e vive la vita di tutti i giorni senza tuttavia recitare ed essere retribuito per farlo.

Con questo articolo non voglio screditare tutte quelle persone che fanno e credono in buona politica e cercano di migliorare il paese e la situazione, bensì mi riferisco a tutti gli attori (spesso protagonisti di scena) che si spacciano come i Buoni, ma che in realtà oltre a prendere molti soldi (per recitare una parte assegnatagli) non fanno nient'altro che illudere il cittadino distraendolo e stressandolo, mutando così gli spettatori (ovvero cittadini ipnotizzati)  in macchine di pregiudizio ed odio peggiorando la situazione.

Quello che ci serve è che tutti questi attori finiscano di recitare una volta per tutte, quello che ci serve è gente che smetta di parlare e inizi a fare veramente qualcosa, l'unione e la lotta per il benessere sono il vero obiettivo comune, tutti possiamo e dobbiamo fare qualcosa per migliorare e migliorarci, i problemi esistono così come esistono le soluzioni; siamo tutti a conoscenza dei problemi ora dobbiamo puntare sulle soluzioni, senza aspettare che qualcuno cambi le cose per noi. Sappiamo tutti che qualcosa non va in questo sistema economico,politico e finanziario che abbiamo creato, anche la natura si sta ribellando e ci  sta avvertendo chiaramente: Dobbiamo Cambiare!! Ora e subito! Tutti!